In occasione del 25° anniversario di attività, Alessandro Storti ha raccontato la storia del brand SBS e l'evoluzione del mercato rilasciando un'intervista a HighTech magazine.

 

 

Una ricorrenza speciale per l'azienda, che festeggia 25 anni di attività. Abbiamo parlato con Alessandro Storti, fondatore e amministratore delegato di SBS, che ci ha fornito una panoramica del mercato di allora e di oggi. Con un occhio al ruolo dell'e-commerce e alle nuove tendenze.

Tracciamo brevemente la storia di questi 25 anni e l'evoluzione del brand…

SBS è nata nel 1994 a Miasino, in provincia di Novara, sviluppando il suo principale business nel settore della produzione di batterie per telefoni cellulari. Il 1997 è l'anno della grande svolta: con il mercato delle batterie in fase di rallentamento, SBS decide di investire nella ricerca e nello sviluppo di accessori per la telefonia. Iniziamo, così, a commercializzare i primi caricabatterie raggiungendo, nell'arco di soli due anni, circa 250 diverse referenze a catalogo. Dal 2008 in poi, il mercato ha conosciuto una fortissima accelerazione grazie all'avvento degli smartphone: questo ha portato a una conseguente crescita aziendale e lo sviluppo di alcune particolari categorie di prodotto, come per esempio i power bank, legati alla necessità di avere sempre a disposizione una ‘scorta di energia'.

Siete presenti anche all'estero?

Da allora SBS rappresenta un punto di riferimento a livello internazionale nel comparto degli accessori: un'ampia gamma di prodotti, l'apertura di quattro filiali in Spagna, Svizzera, Germania e Francia, e la presenza di ulteriori cinque uffici commerciali in Portogallo, Polonia, Regno Unito, Turchia e Olanda. Possiamo, infatti, dire di essere uno dei principali player nel panorama europeo.

Com'è articolata la struttura aziendale?

L'evoluzione del mercato e del nostro business ci ha spronati a investire non solo nel prodotto e nella presenza sul territorio, ma anche in nuove tecnologie. Abbiamo una divisione interna dedicata allo sviluppo di applicazioni direttamente collegate all'accessorio in diversi ambiti: da Go Life, per i prodotti legati a sport e benessere, a Go Power, che supporta tutti i prodotti relativi alla ricarica e all'efficienza energetica. Oggi l'azienda guarda al futuro con l'obiettivo di incrementare ulteriormente la propria presenza sul territorio nazionale e internazionale: abbiamo sostenuto importanti investimenti nel personale, incrementando l'organigramma aziendale, le tecnologie e i servizi logistici, volti a migliorare non solo il servizio al retail, ma anche la customer experience.

Cos'è SBS oggi?

Oggi SBS ricopre un ruolo di primaria importanza sia in Italia che nel resto del mondo, con un fatturato più che quintuplicato rispetto a pochi anni fa e in continua crescita. Nel corso degli anni abbiamo raggiunto una distribuzione capillare e omogenea in tutti i canali, a partire dal mass merchandiser, canale storico in cui siamo sempre stati leader, al consumer electronics, nel quale siamo diventati protagonisti grazie alla soddisfazione e ai risultati dei clienti che ci hanno scelto come partner. Negli ultimi anni, inoltre, abbiamo accresciuto la nostra forza e presenza nel canale ‘telco operatori', stringendo accordi con alcune delle più importanti realtà del settore a livello nazionale e internazionale.

Diamo qualche numero...

Dal 1994 a oggi siamo cresciuti parecchio non solo in termini di fatturato, ma anche come realtà imprenditoriale: contiamo più di 200 dipendenti, offriamo al mercato oltre 3mila referenze di prodotti e il nuovo polo logistico di circa 10mila metri quadrati conta 8mila posti pallet a breve completamente automatizzati. Questi sono solo alcuni numeri di una struttura capace di supportare tutti i canali in cui lavoriamo, dagli operatori sino ad arrivare alla GDO e GDS, grazie anche a un alto livello di esperienza e qualità del servizio.

Com'è cambiato il mercato degli accessori?

Pensando agli inizi devo dire che il mercato è in continua evoluzione. Dal 2008, con l'arrivo dello smartphone, sono cambiate molte cose: l'accessorio ha raggiunto un livello tale per cui può definirsi non più ‘accessorio', ma prodotto in senso stretto. La capacità di SBS sta nel cogliere questi cambiamenti come stimolanti sfide, adattando la produzione e la propria mentalità e anticipando il mercato, ove possibile, con lo sviluppo di lineup innovative volte a creare valore aggiunto. Ricordiamoci che la nostra azienda nasce come produttrice di batterie per telefoni cellulari, mercato molto in crescita negli anni '90 che ha tenuto fino al 2002. Con l'evoluzione della tecnologia, e con l'aumento della vita media della batteria, la richiesta diminuiva. Questo ci ha spinto a guardare oltre, a cambiare pelle… ecco che abbiamo approcciato il mondo degli accessori in maniera più ampia. Negli anni successivi, con l'avvento di telefoni cellulari sempre più piccoli, il mercato ha subito una frenata fino al 2008: con l'arrivo dei primi smartphone, sono riprese anche le vendite dell'accessorio, facendo crescere in maniera importante diverse categorie che fino ad allora avevano un peso molto basso come, ad esempio, le protezioni display.

Quali linee di prodotto SBS hanno più successo oggi?

Offriamo molteplici gamme in quanto, durante ogni stagione, il nostro team di ricerca e sviluppo lavora per seguire o anticipare le tendenze del mercato, presentando così concrete innovazioni tecnologiche. Riusciamo ad intercettare sia i bisogni del retail, finalizzati a massimizzare i profitti, sia quelli dell'utente finale, che trova un accessorio in grado di soddisfare le proprie esigenze e passioni. Per citarne alcune, mi vengono in mente le gamme Energia, Audio e Sport. Molto importanti anche i servizi, dove SBS sta investendo parecchio, proponendo soluzioni vincenti sia a livello di qualità che di fruibilità.

Qual è il vostro rapporto con il retail?

Nel corso del tempo SBS si è sempre più concentrata su quelli che sono i bisogni del retail, focalizzandosi e immedesimandosi nei propri clienti, seguendo una filosofia di partnership e non di semplice rapporto di fornitura. Grazie al continuo confronto e alla vicinanza ai nostri clienti, abbiamo sviluppato strumenti, prodotti e servizi volti a creare e portare valore aggiunto all'interno del negozio, permettendo di incrementare non solo il sell out, ma anche il prezzo medio.

Quali sono le ultime novità in termini di servizi al punto vendita?

Abbiamo ampliato la gamma servizi dedicati all'utente finale introducendo due particolari tipologie di servizio. Fast Skin è una macchina ingegnerizzata in Italia che permette di tagliare pellicole per tutti i modelli di smartphone, tablet fino a 10 pollici, wearable, smartwatch, console, fotocamere e action camera. I suoi punti di forza sono velocità e semplicità: l'applicazione, infatti, viene fatta senza nessun liquido e in meno di tre minuti. Infatti, Fast Skin è considerato il sistema per la produzione ondemand di pellicole per smartphone. Me Cover, invece, è una stampante di ultima generazione, anch'essa ingegnerizzata in Italia, che permette al cliente di stampare cover personalizzate in meno di 10 minuti e direttamente in store. La chiave di questo servizio sta nell'emozione e nella possibilità di ricevere e utilizzare il prodotto fin da subito.

Come vi ponete rispetto al canale e-commerce? Quanto è importante oggi e in prospettiva?

L'e-commerce in Italia non ha ancora raggiunto la propria maturità, nonostante sia trascorso più di un decennio dal suo esordio. Scenario ben diverso in altri paesi dell'Unione Europea, come ad esempio in Germania, dove il canale ha un ruolo più significativo. Sicuramente l'e-commerce si sta consolidando grazie al cambiamento culturale, ma anche al nuovo stile di vita che prevede ritmi sempre più serrati, abituando il consumatore a effettuare acquisti comodi direttamente dal proprio divano. In questo panorama, l'obiettivo di SBS sarà quello di trovare il giusto compromesso per presidiare al meglio questo canale, senza però perdere il focus sul punto vendita, dove si concentrano principalmente i nostri investimenti e dove vogliamo fornire un servizio puntuale ai nostri partner. Credo, comunque, che nel prossimo futuro i retailer si focalizzeranno sempre più sul concetto di omnicanalità, imparando a sfruttare diversamente l'e-commerce per offrire ai propri clienti un servizio a 360 gradi, migliorando la customer experience e la fidelizzazione del consumatore. In quest'ottica, SBS sta lavorando per essere di supporto ai propri partner pre e post trasformazione digitale.

Quali prodotti SBS saranno protagonisti della stagione natalizia?

Storicamente il comparto audio e i powerbank vedono una stagionalità forte nell'ultimo trimestre. Quest'anno, a maggior ragione, grazie a un trend di mercato particolarmente favorevole, godranno molto anche della spinta promozionale legata ad alcune importanti operazioni come, per esempio, il Black Friday e i volantini natalizi. Non dimentichiamo tuttavia che l'incremento dell'affluenza gioverà a tutti i comparti che risentono di una vendita ad impulso e per questo motivo mi aspetto grandi performance in tutti i comparti dell'accessorio.

Avete nuovi progetti in cantiere?

Certamente. In questo momento è in corso lo sviluppo di nuovi progetti e linee che avremo il piacere di condividere con il mercato nei primi mesi del 2020, in occasione del Mobile World Congress di Barcellona.

Come saranno i prossimi 25 anni di SBS?

Vedo SBS in continua evoluzione, la immagino multicanale, multisettore e capace di cogliere tutte le diverse opportunità di mercato. Credo, però, che saremo capaci di mantenere il nostro Dna, ossia grande passione e umiltà, che mi auguro ci portino ancora più lontano rispetto ai 25 anni appena compiuti. Stiamo lavorando alacremente per creare un qualcosa di unico.